aspirazioni

Argomenti generali dedicati alle nostre HONDA!
Rispondi
Valentino Cerveri
Avatar utente
Messaggi: 588
Iscritto il: mercoledì 2 aprile 2014, 12:51
Località: Pordenone

aspirazioni

Messaggio da Valentino Cerveri » venerdì 5 gennaio 2018, 1:29

Bene, l'airbox è un elemento F-O-N-D-A-M-E-N-T-A-L-E nell'ottimizzazione di un motore 4t aspirato.
Non è così "a caso", c'è un motivo ben preciso e che va oltre la semplice riduzione del rumore di aspirazione.
Un motore aspirato necessita di un grande volume di aria ferma, fresca e pulita per funzionare al meglio. In passato si pensava a un volume d'aria pari a 7 volte la cilindrata, oggi nei motori più spinti si arriva a oltre 10 volte la cilindrata. 1000 cc=10 lt d'aria (a valle dell'elemento filtrante, ovviamente).
Perché diventa quindi importante avere un grande volume d'aria INERTE?
Per sfruttare l'effetto RAM.
In pratica quando il pistone dal punto morto inferiore (PMI) inizia a risalire verso il punto morto superiore (PMS), la miscela aria/benzina viene ancora aspirata, e il ritardo della chiusura della valvola di aspirazione consente appunto di ottimizzare questo fenomeno. Il ritardo di chiusura della valvola di aspirazione rispetto al PMI viene calcolato in base al regime in cui si vuole avere la coppia massima: più elevato sarà, più sarà necessario ritardare la chiusura della valvola.
Quando invece il regime di rotazione del motore è più basso che succede?
Che il ritardo di chiusura della valvola di aspirazione rispetto al PMI provoca l'inversione del flusso attraverso la valvola di aspirazione, cioè la miscela aspirata invertirebbe la sua strada.
Come si ovvia a questo inconveniente? Con una grande massa di aria (e quindi con maggior inerzia rispetto ad un volume ridotto), che nel momento di inversione del flusso attraverso la valvola di aspirazione agisce come un vero e proprio "pistone fluido" ottimizzando quindi il riempimento della camera di scoppio.
Da cosa nasce quindi l'esigenza di avere una presa d'aria che "entra" dentro alla cassa filtro? Dal motivo che un semplice buco provocherebbe maggiori turbolenze e perdite di carico, aumentando il rumore e riducendo la capacità di mandare in pressione il contenuto dell'airbox.
Quindi un condotto che entra dentro la cassa filtro favorisce l'effetto RAM, e ovviamente più lungo è (entro certi limiti prestabiliti) più il flusso viene stabilizzato.
Ora non lo trovo, ma posso dire di aver letto che un buon diametro della presa d'aria è due volte il diametro della gola del Venturi.
Parliamo ora dei filtri a cono: sono una c@g@t@ pazzesca di fantozziana memoria sul motore a 4t.
O meglio, sono un'applicazione particolare atta solo a migliorare la dinamica dei fluidi agli alti regimi.
Abbiamo detto che ai mediobassi regimi l'effetto RAM ci aiuta a evitare che il ritardo di chiusura della valvola di aspirazione rispetto al PMI provochi l'inversione di flusso, ottimizzando il riempimento della camera di scoppio grazie all'INERZIA del volume d'aria spostato; quindi ricordiamo l'equazione maggior volume=maggior inerzia.
Una maggior inerzia quindi non significa solo "pistone fluido" che ottimizza il riempimento, ma anche maggior resistenza al flusso.
Agli alti regimi la velocità di flusso a monte della farfalla deve essere maggiore, con un'inerzia minima.
Ecco che il filtro a cono raggiunge questo scopo: a fronte di un volume praticamente inesistente si ottiene la depurazione dell'aria e si riduce notevolmente l'inerzia dello stesso, ottimizzando l'aspirazione ad elevati regimi di rotazione.
Nella pratica, meno tiro in basso e meno progressione.
Infine due parole sui cornetti... in pratica, detto proprio all'acqua di rose, sono prolungamenti accordati (lunghezza, diametro e conicità calcolati) all'onda di pressione negativa esercitata dal pistone che scende dal PMS al PMI, a 3 0 4 picchi (armoniche direi) in modo tale da generare una riflessione dell'onda stessa dall'airbox sul cornetto stesso innescando un fenomeno che si può paragonare ad una vera e propria sovralimentazione.
Tralasciando un altro argomento che richiederebbe troppo tempo e cioè gli airbox in pressione ( rendono praticamente solo sopra i 200km all'ora) dove in formula 1 all'epoca degli aspirati sono stati fatti notevoli studi con risultati nell'ordine dei +50cv
Adesso basta vado a dormire :meco
"se scendi da una Honda e sali su un golf ti potrebbe venire un colpo apoplettico" :asd

LuFo R
Avatar utente
la sacra vedenza
la sacra vedenza
Messaggi: 21703
Iscritto il: domenica 10 ottobre 2004, 13:52
Località: Alma Mater Tergeste MSN:lufo53@hotmail.com
Contatta:

Re: denwis86's EG6

Messaggio da LuFo R » venerdì 5 gennaio 2018, 9:05

visto che i vecchi aspirati honda funzionano solo ad elevati regimi per me non è proprio una cagata...

Simo_ee9
Avatar utente
HCI member
HCI member
Messaggi: 1261
Iscritto il: sabato 27 aprile 2013, 19:34
Località: in definizione.. al momento Naz-Sciavez BZ

Re: denwis86's EG6

Messaggio da Simo_ee9 » venerdì 5 gennaio 2018, 11:32

Valentino grazie per la spiegazione, fa sempre piacere leggere un po di sana tecnica, c'è sempre qualcosa da imparare.
come fa presente lufo, ma come molti altri pensano, il limite del campo di utilizzo di una soluzione o di un'altra non è una linea oltre il quale finisce di funzionare uno ed inizia un altro.. sarà un range che sarà più o meno ampio in funzione di molti moltissimi fattori.
io non sono un sostenitore del cono, anzi.. ma un cono chiuso in airbox di notevoli dimensioni non è una cosa stupida. Il sistema di aspirazione dell'ITR non è tanto lontano da questa soluzione. Poi se prendiamo il pene di balena di Tegiwa è un cono con un polmone di notevoli dimensioni a valle di esso, mica sciocca come idea. Inoltre se lo chiudi in un airbox grande isolandolo dall'aria calda del vano motore e dandogli altra aria inerte, ancora meglio.
Maremma Geidiemme🐗🔰

LuFo R
Avatar utente
la sacra vedenza
la sacra vedenza
Messaggi: 21703
Iscritto il: domenica 10 ottobre 2004, 13:52
Località: Alma Mater Tergeste MSN:lufo53@hotmail.com
Contatta:

Re: denwis86's EG6

Messaggio da LuFo R » venerdì 5 gennaio 2018, 11:45

l'itr è un cono. L's2000 ha un airbox enorme con un cono... quindi per me non è una scelta tecnica sbagliata sui nostri motori.

Valentino Cerveri
Avatar utente
Messaggi: 588
Iscritto il: mercoledì 2 aprile 2014, 12:51
Località: Pordenone

Re: denwis86's EG6

Messaggio da Valentino Cerveri » venerdì 5 gennaio 2018, 13:58

Forse mi sono espresso male ma quando mi riferivo ai filtri a cono mi riferivo a questo tipo di soluzione finale.

Immagine

Ragazzi qua non ci siamo proprio :azz discorso completamente diverso i sistemi Itr ed S2000 di serie, utilizzano un airbox ed al loro interno invece di avere un filtro a pannello hanno un filtro con la forma di un cono.
"se scendi da una Honda e sali su un golf ti potrebbe venire un colpo apoplettico" :asd

denwis86
Avatar utente
HCI member
HCI member
Messaggi: 12956
Iscritto il: lunedì 8 settembre 2008, 12:23
Località: PADOVA - Baone

Re: denwis86's EG6

Messaggio da denwis86 » venerdì 5 gennaio 2018, 14:04

Ok tutto, ma si è sempre parlato di cono racchiuso in box, nessuno ha parlato di quella soluzione da giostrari..

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Toglietemi tutto, ma non il mio portatarga®-over 293 000 :amore

Simo_ee9
Avatar utente
HCI member
HCI member
Messaggi: 1261
Iscritto il: sabato 27 aprile 2013, 19:34
Località: in definizione.. al momento Naz-Sciavez BZ

Re: denwis86's EG6

Messaggio da Simo_ee9 » venerdì 5 gennaio 2018, 14:29

@valentino..
si avevo capito che intendevi cono/fungo a bella vista (che ci sarà di bello ?! )..
io per esempio monto airbox ITR con filtro originale senza risuonatore, ma voglio cambiare soluzione utilizzando un airbox artigianale con il filtro originale ITR sfruttando tutto lo spazio disponibile per aumentare il litraggio.. ma sono ancora indeciso su come fargli pescare l'aria.. se con una presa pseudo diretta o con un tubo rivolto al contrario del senso di marcia
foto dello spazio da sfruttare
Immagine

spazio perfetto anche per inserire un airbox originale ek (spacciato per uno dei piu grandi oem)
Immagine
Maremma Geidiemme🐗🔰

Valentino Cerveri
Avatar utente
Messaggi: 588
Iscritto il: mercoledì 2 aprile 2014, 12:51
Località: Pordenone

Re: denwis86's EG6

Messaggio da Valentino Cerveri » sabato 6 gennaio 2018, 0:42

La presa sarebbe da fare più in centro possibile alla vettura (sempre nel limite possibile), è il punto con la maggiore pressione ad alte velocità, più ci spostiamo dal centro o comunque verso i lati e più ci sono turbolenze che disturbano il flusso creando vortici in prossimità della presa ed al suo interno.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
"se scendi da una Honda e sali su un golf ti potrebbe venire un colpo apoplettico" :asd

Rispondi